La spirale del tempo

                     Personaggi

Romanzo di attualità  


Recrudescenza romana del superomismo, anni 70 e 80, questo il titolo della tesi di laurea su cui Piero inizia a lavorare dopo aver conosciuto Walter Reggiani, un uomo dal passato particolare, tanto particolare che lui, in quel tempo, si sentiva un dio. 

romanzo di attualità - narrativa italiana - i migliori romanzi
La spirale del tempo - romanzo di attualità

PIERO, dall'età di nove anni, da quando per la morte dei genitori si spalmò una sorta di anestesia sul cuore per affrancarsi dal bisogno d'amore, trascorre le sue estati a Scilla, dalla zia Elisabetta, e mai, nemmeno una volta, ha intravisto la faccia del vicino. Nel 1998, quando ha 24 anni, lo conosce e diventa una sorta di curatore delle sue memorie, memorie di un passato vissuto sempre un passo avanti a tutti gli altri, un metro sopra gli altri tanto da sentirsi un dio. A questo dio Piero presta ascolto per riscoprire, attraverso le sue parole, un bisogno di protagonismo che in qualche modo lo scuote dalla sua apatia fino ad irrompere da protagonista nel suo presente in cui c'è già una ragazza che da tre anni aspetta che lui la veda.

 

WALTER REGGIANI, bello, perverso e già mezzo fascista ai tempi delle medie, ritiene che tutto sia lecito intraprendere per il suo bisogno di affermazione. E quanto più sale nella scala delle infrazioni alla legge, tanto più si ostina a non vedere il superuomo che col suo martello fa in pezzi la morale condivisa, tanto più alla fine capisce di aver prodotto solo macerie.

 

SONIA, compagna di studi di Walter Reggiani e sua antagonista irriducibile. In qualità di giovane "compagna", non sa stare senza fustigare i prepotenti che dell'antico regime hanno dismesso solo la camicia nera. Tra i due è inevitabile il rancore, a maggior ragione sembrerebbe fuori luogo il successivo amore che a volte si afferma anche là dove non sembrerebbe esservi spazio, oppure, per dirla diversamente, anche là dove ci si impegna per non farlo esistere. ma a riprova che il bianco ed il nero non sono mai assoluti, in ognuno v'è sempre una piccola parte dell'altro, anche Walter Reggiani e Sonia si amano.

 

SILVIA, ragazza solare e generosa, ma ferita dall'avere un padre come il suo, quel Walter Reggiani che ora, benché abbia ancora l'uso delle gambe, si trascina a fatica su una sedia a rotelle. Silvia non sa niente del passato di suo padre, sa solo che ama Piero che neanche la vede.

 

ERMINIO BUCCHI, pittore toscano il cui passato per un breve tratto s'è ingarbugliato con quello di Walter Reggiani. Erminio Bucchi, grosso, imponente e con un incedere da scaricatore di porto, è riuscito a salvare il bambino che aveva dentro. Candido dunque, si riaccosta a Walter Reggiani magari per fargli pagare qualche vecchio torto, ma infine gli offre il suo appoggio nel vederlo così provato dalla vita.